CLAUDIO DE BARTOLOMEIS

Chitarrista, percussionista, corista

Nasce a Salerno il 18 dicembre 1964.

Sin da piccolo partecipa a rassegne e spettacoli musicali come cantante.

All’ età di 12 anni inizia a suonare la chitarra e contemporaneamente, essendo dotato di molto senso ritmico, si appassiona alla batteria studiando questa e approfondendo, successivamente, lo studio delle percussioni.

All’ età di 17 anni circa, seguito da un maestro, approfondisce lo studio della chitarra ritmica moderna e porta avanti esperienze alla radio e in discoteca come dj speaker.

DIANA RONCA

Cantante, pianista, tastierista

Nasce a Salerno il 26 aprile 1966.

A circa 6 anni inizia a studiare il pianoforte per poi laurearsi in musica nel 1989 inseguendo il Diploma Superiore di Pianoforte al conservatorio di Salerno G. Masucci.

Intanto porta avanti la sua passione per il canto e a 10 anni prende parte ad uno spettacolo musicale come cantante.

Il loro incontro nella vita segna anche la loro ufficiale immersione nel mondo della musica.

1987/8
A maggio del 1987 Claudio e Diana iniziano la loro carriera professionale entrando a far parte del gruppo musicale supporter di Enzo Ghinazzi, in arte Pupo. Claudio è alle percussioni e ai cori, Diana alle tastiere oltre che corista. A settembre dello stesso anno formano il duo “Note mediterranee” esibendosi insieme per serate di musica leggera in club esclusivi.

1990
Claudio e Diana crescono rapidamente insieme, abbandonano Note Mediterranee per ritrovarsi in modo più autentico, in sé stessi. Nel gennaio del 1990 si esibiscono per i festeggiamenti dei 78 anni del M° Roberto Murolo, senza ancora sapere che questa esperienza, di lì a poco, cambierà totalmente la loro visione di musica.

1992
A Gennaio si esibiscono al Grand Hotel Spinale a Madonna di Campiglio (Trento) e successivamente al Grand Hotel Tamerici e Principe a Montecatini Terme.
Nello stesso anno Claudio e Diana danno il via alla loro prima tournèe in Germania, a Bad Boll. Presenze radiofoniche e grandi successi segnano un’esperienza più che unica, ripetibile, infatti i due anni successivi saranno ancora impegnati nel loro tour tedesco, con esattezza a Swenninghen e Sindelfinken.

1994-1997
Tante in questo periodo le serate e gli spettacoli in associazioni, club e circoli privati, ritrovandosi diverse volte a condividere il palcoscenico con Rita Forte, Vittorio Marsiglia e Fred Bongusto.

1998
Nel 1998 affiancano, all’ormai consolidato repertorio italiano, un genere musicale di cui presto diventeranno grandi fautori: il classico napoletano. La coppia trova nelle proprie radici risposte che chilometri di distanza non sono riusciti a dare, iniziando studi e ricerche sull’originale repertorio partenopeo che ancora li anima. La “Posteggia Napoletana” di Claudio e Diana riesce in poco tempo ad esportare i classici napoletani, inseriti in un repertorio estremamente ricercato e raffinato, nelle location più prestigiose in Italia e all’estero.

2005
Nel 2005 pubblicano il primo CD ufficiale di brani inediti di propria composizione: “Il colore dei sogni”.

2008
Per i primi 20 anni di attività, pubblicano una piccola scrittura “Claudio e Diana, la musica nel cuore” per raccontarsi nella loro vita pubblica e privata che hanno condiviso in tutti questi anni; un momento per ricordarsi, e ricordare, tra ironia e semplicità, le avventure di una carriera che sembra per loro appena iniziare, un modo per fermarsi un attimo, e ripartire.

2010
Con la pubblicazione, in effetti, Claudio e Diana sembrano aver fatto solamente un giro di boa. Sogni e nuovi progetti all’orizzonte sono ancora da realizzare. Dal 2010 sono più volte ospiti in radio, Rai e non solo: da “Pomeriggio sul 2” a “Bontà Loro” di Maurizio Costanzo, da “La vita in diretta” al “Tg2 Costume e Società” a La7 con Pino Strabioli e Gianfranco Vissani.

2011
A maggio del 2011 esce il loro primo videoclip del brano “Vedrai vedrai” di Luigi Tenco, realizzato con la partecipazione dello stimato pianista Joe Amoruso, storico musicista di Pino Daniele.

2012
Un’altra collaborazione, a settembre del 2012, si presenta come punta di un iceberg che ha radici molto profonde, fondate su di un duro lavoro tutto volto alla riscoperta culturale e musicale dei classici napoletani che Claudio e Diana già da anni portano avanti con grande passione.
Il 17 Settembre, a mezzo di conferenza stampa presso il comune di Salerno, Claudio e Diana, con il loro gruppo Posteggia Napoletana, presentano il videoclip del brano “Canzone Appassiunata” di E.A.Mario, impreziosito e colorito dalle percussioni del Maestro Tony Esposito.

2013
A gennaio del 2013, Claudio e Diana realizzano parte di quel sogno nel cassetto: il 4 Gennaio sono in teatro per la prima dello spettacolo “Napoli Era Ora” un viaggio nella bella Napoli, quella della tradizione e della cultura, presentata in tutta la sua bellezza con stralci storici, video di alcuni tra i più grandi Artisti partenopei, e un repertorio musicale che va dal ‘500 ai giorni nostri.

A giugno esce il cd “Napoli Era Ora” con la collaborazione di prestigiosi musicisti tra i quali: Tony Esposto, Joe Amoruso, Aldo Vigorito, Francesco Citera e tanti altri.

2014
A gennaio, Claudio e Diana presentano il video “Terra mia” legato al progetto “Qual’è la terra del tuo cuore?”, presentato alla “Camera dei Deputati” e all’Università “La Sapienza di Roma”.
La richiesta effettuata dai due artisti sui social diventa virale, e nel videoclip finiscono testimonianze da tutto il mondo. Al pianoforte del celebre brano, ad accompagnare Diana, c’è Joe Amoruso.

A maggio esce il video “A città e Pullecenella” interamente girato nel museo di Pulcinella ad Acerra, presentato a Giugno al Maschio Angioino a Napoli.

A luglio Claudio e Diana sono ospiti nella serata finale ad Ischia Film Festival – Ischia

Ad agosto dello stesso anno, sono al World MusicFestival a Castelsardo in Sardegna con lo spettacolo “Napoli era ora” e nello stesso mese partecipano come ospiti al Moda Mare Festival a Cetraro (Cs).

2015
Ad aprile, Claudio e Diana presentano il loro nuovo video “A pizza” al Comune di Battipaglia in conferenza stampa. Un omaggio ai prodotti e locali e alla filiera corta del proprio territorio, sfocia in un videoclip esilarante interpretato dai due musicisti con il mandolino del Maestro Massimiliano Essolito e il sax di Tony Panico.

2016
Questo è un anno pieno di eventi importantissimi: per due volte sono ospiti di Maurizio Costanzo e Dario Salvatori nel programma “Swing”, ospiti del Maurizio Costanzo Show, del salotto di Michele Cucuzza e di molte altre trasmissioni televisive.

L’8 marzo esce il video documento “Amaro e o bene” dedicato al tema della violenza sulle donne con il quale partecipano a dibattiti scolastici ed incontri autorevoli. Riescono a trovare in questo grande classico napoletano poco conosciuto, una modernità impressionante.

A novembre esce il nuovo video “Lu cardillo”, frutto della collaborazione straordinaria del Maestro Rino Zurzolo, contrabbassista, nella storica band, di Pino Daniele.

2017
A marzo iniziano una nuova avventura: diventano conduttori radiofonici del programma “Ritorno al futuro” su Italy Web Radio ed ospitano nel loro salotto personaggi della cultura e del mondo musicale, tra cui Dodi Battaglia, il Maestro Beppe Vessicchio, Lorella Cuccarini, Pino Strabioli, Marzia Roncacci, Duccio Forzano, Enzo Gragnaniello, Antonio Onorato e tanti altri.
A settembre, incidono una nuova cover che punta dritta ad un ritorno alle origini: ‘O surdat ‘nnamurato viene reinterpretato da Claudio e Diana con il Maestro Massimiliano Essolito al mandolino e Pasquale Faggiano alla fisarmonica. A dirigere il videoclip del brano, manifesto di pace e libertà, il regista Duccio Forzano.

Per festeggiare i 30anni di attività, Claudio e Diana mettono in scena uno Show “Claudio e Diana & Compagnia Bella Show” nella sala Pasolini di Salerno. Tantissimi gli ospiti che li accompagneranno, dalla presentatrice di Rai2 Marzia Roncacci, agli storici musicisti con cui sono cresciuti negli anni, fino a Duccio Forzano e Tony Esposito.